Il canto armonico

L’argomento è stato trattato in riferimento alla produzione dei suoni armonici (fenomeno naturale) a proposito dell’intonazione naturale. Il temperamento – a prescindere da necessità e vantaggi qui non discussi – consiste nello “scordare” uno strumento come il pianoforte, per cui la frequenza delle note di un accordo (tipicamente maggiore) non risulta “allineata” con quella degli armonici naturali della nota generatrice. Ne risulta che solo un’ ensemble a cappella educata all’intonazione naturale produrrà armonici con un risultato di importante sonorità. Ciò non avviene nel caso di un gruppo di canto accompagnato da strumenti a tastiera. Si può ben affermare che l’abitudine al canto a cappella produce il massimo affinamento dell’orecchio musicale (intonazione),  caratteristica di cui anche i cantanti professionali sono solitamente carenti perchè educati all’intonazione del sistema temperato e non a quella del sistema naturale.

Il canto armonico (overtone singing) – praticato per scopi ludici, meditativi o rituali in alcuni paesi orientali – è basato sul controllo di determinati armonici che vengono selezionati e amplificati creando così melodie ad alta frequenza, come se fossero prodotte da flauti.

Invito a cliccare qui per accedere su YouTube alla lezione introduttiva di un corso sull’argomento. Sulla parte destra dello schermo vengono presentati altri filmati che potrete scegliere.

Potrete ottenere autonomamente una ricca lista di altri filmati, in varie lingue, utilizzando i termini di ricerca “Canto armonico” , “Overtone singing”.

Buon divertimento.

R.M. 20 feb. 2018